Top
indicizzare sito wordpress

Indicizzare Sito WordPress: 5 Metodi Funzionanti

Vuoi indicizzare un sito WordPress e non sai come fare? Se hai la necessità di far sapere a Google che il tuo sito esiste sei nel posto giusto. In questo articolo ti spieghiamo i possibili metodi per indicizzare il tuo sito, in modo da inserirlo nel database del motore di ricerca.

Cosa significa Indicizzare un Sito WordPress?

Partiamo dal significato della parola “indicizzare”. Indicizzare un sito WordPress vuol dire far conoscere ai motori di ricerca (ad es. Google, Yahoo, Bing, ecc…) il proprio sito web, in modo da aggiungerlo al proprio indice, il database del motore di ricerca.

Per effettuare questa operazione, è necessario che lo spider (detto anche crawler oppure bot), un software utilizzato dai motori di ricerca per scansionare i contenuti in rete in modo automatizzato, effettui il crawling (la scansione) del tuo sito web.

Infatti, Google e gli altri motori di ricerca, vengono a conoscenza di nuovi contenuti in rete (pagine, file, immagini, ecc…) tramite l’operazione di crawling effettuata dagli spider. In particolar modo, lo spider di Google viene chiamato Googlebot.

Indicizzazione e Posizionamento: che differenza c’è?

Chiariamo fin dal principio: indicizzazione e posizionamento NON sono la stessa cosa. Quando affermiamo che il nostro sito è indicizzato, significa che è presente nell’indice del motore di ricerca, ovvero nella pagina dei risultati del motore di ricerca (altresì definita SERP: Search Engine Results Page).

Quando invece parliamo di posizionamento, si intende la posizione che il nostro sito ricopre nella pagina dei risultati del motore di ricerca. Il nostro sito potrà quindi essere in 1° posizione oppure in 100° posizione, risultando in entrambi i casi indicizzato. Per migliorare il posizionamento, ci viene in soccorso l’ottimizzazione SEO, che agendo su determinati fattori (i cosidetti fattori di ranking o fattori SEO), permette di migliorare il posizionamento del sito, oltre che la visibilità organica generale.

Come verificare se un sito è Indicizzato

Il tuo sito WordPress non appare su Google? In questo caso, è utile verificare se il sito è stato indicizzato dal motore di ricerca. Ci sono diversi metodi per verificarlo, quello più semplice e rapido è utilizzare il comando  site: seguito dal nome del sito, nella ricerca di Google. Ad esempio site:nomesito.it

 

verificare sito indicizzato

Usare il comando site:nomesito.it, restituirà il numero delle pagine indicizzate per quello specifico dominio o sottodominio

 

Lo stesso metodo è valido per controllare l’indicizzazione di una specifica pagina del sito, quindi il comando da digitare diventerà: site:nomesito.it/nomepagina

verificare pagina indicizzata

E’ possibile verificare l’indicizzazione di una specifica pagina, con il comando site:nomesito.it/nomepagina

Se tra i risultati della ricerca compaiono le pagine del nostro sito, allora è correttamente indicizzato; se invece non appare nulla, allora il sito non è stato indicizzato, oppure l’indicizzazione è in corso, ma non ancora visibile.

Perchè il mio sito non è Indicizzato?

Sono diverse le cause che possono impedire l’indicizzazione di un sito web (o di alcune parti di esso). Tra i motivi principali, potrebbero essere impostato l’attributo noindex sulle pagine, oppure potrebbe esserci un’errata impostazione del file robots.txt.

Il robots.txt è un file che contiene delle direttive di scansione, alle quali devono attenersi i crawler dei motori di ricerca. In pratica, il robots.txt contiene delle istruzioni destinate ai crawler, relativamente quali parti del sito possono scansionare e quali no.

robots.txt corretto

Un’errata impostazione del file robots.txt può causare problemi nell’indicizzazione. In questa immagine, un file robots.txt impostato correttamente.

 

In ultimo, anche un’errata configurazione dei plugin SEO, se installati su WordPress, potrebbe influire sulla mancata indicizzazione del sito sui motori di ricerca.

Come Indicizzare un sito WordPress

E’ possibile indicizzare un sito WordPress (o un sito web in generale), tramite diversi metodi; ecco i principali:

Registra il sito su Google Search Console

Il primo metodo per l’indicizzazione del sito è registrarlo su Google Search Console. Da Search Console è possibile accedere ai dati inerenti al nostro sito, monitorare lo stato dell’indicizzazione e ottimizzare la visibilità del nostro sito web. Per l’indicizzazione sul motore di ricerca Bing, la stessa operazione può essere effettuata con lo strumento Bing Webmaster Tool.

indicizzare da google search console

Tramite Google Search Console è possibile indicizzare il proprio sito WordPress, oltre che controllare eventuali problemi nella scansione delle pagine.

 

Crea e Invia la Sitemap sui Webmaster Tools

Un altro metodo utilizzato per l’indicizzazione è la Sitemap. La sitemap è un documento in formato xml che al suo interno contiene la lista delle pagine presenti sul nostro sito web; si tratta di uno strumento molto utile, perché fornisce ai motori di ricerca l’elenco completo dei contenuti del nostro sito, che potrebbero non essere stati rilevati dallo spider durante la scansione.

Dopo avere creato la Sitemap, è necessario sottoporla al motore di ricerca tramite i pannelli Webmaster Tools (Google Search Console nel caso di Google, e Bing Webmaster Tool per Bing).

Per creare la Sitemap su WordPress, è possibile utilizzare plugin specifici, come ad esempio Google XML Sitemaps, oppure anche plugin generici per la SEO che includono la funzione di creazione della Sitemap, come ad esempio Yoast SEO oppure Rank Math.

creazione sitemap con rankmath

I plugin per gestire gli aspetti SEO su WordPress, come Yoast e Rankmath, permettono la creazione della Sitemap. Nell’immagine sopra, la schermata di configurazione della Sitemap in Rankmath.

 

Usa lo strumento “Controllo URL” (utile per singole pagine)

Se desideri indicizzare una pagina in particolare, ad esempio un nuovo articolo del blog che hai appena pubblicato, puoi segnalarla a Google utilizzando lo strumento “Controllo URL”, presente nella testata di Google Search Console. Questo strumento permette di inviare una singola pagina per volta, pertanto è utile in particolare nei casi in cui si debbano indicizzare rapidamente poche pagine.

controllo URL su Google Search Console

Lo strumento Controllo URL permette l’indicizzazione di singole risorse, utile nel caso di nuove pagine appena pubblicate.

 

Ricevi un Link da un Sito già Indicizzato

I link hanno la funzione di creare collegamenti tra risorse; in questo modo, quando un sito già indicizzato inserisce su una propria pagina un link verso un sito non ancora indicizzato, durante la scansione dello spider, questo “scoprirà” il nuovo sito effettuandone prima la scansione e successivamente l’indicizzazione. E’ possibile chiedere e ricevere un link da eventuali siti amici (associazioni di cui si fa parte, aziende con le quali si collabora, amici ed eventuali colleghi, ecc…).

In alternativa, in caso di attività locale, è possibile iscriversi a delle Directory locali (ponendo sempre l’attenzione sulla qualità di queste ultime); in particolare segnaliamo: Google My Business, Yelp, Hotfrog.

Crea la tua pagina sui Social Network

I principali Social Network (Facebook, Linkedin, Twitter, Pinterest,…) permettono di creare la pagina per la propria attività, inserendo un link verso il proprio sito. Facendolo, alla prossima scansione di questi social, il motore di ricerca potrebbe accorgersi del tuo sito e indicizzarlo.

Tempo necessario per l’Indicizzazione

Per fare in modo che un nuovo sito web venga indicizzato dal motore di ricerca, i tempi sono variabili. Dipende da numerosi fattori, in particolar modo da quanto tempo impiega il motore di ricerca a scoprire il tuo sito. In ogni caso, seguendo i consigli sopra indicati, sarà possibile far indicizzare il tuo sito molto più rapidamente, rispetto ad aspettare che il motore di ricerca lo scopra da solo.

Oltre a questo, per i tempi di indicizzazione di una nuova pagina (ad esempio un articolo del blog), bisogna tenere presente:

  • l’autorevolezza del sito: se un sito è autorevole agli occhi di Google, quindi pubblica spesso contenuti ed ha dei backlink di qualità in ingresso, oltre ad avere la sitemap aggiornata automaticamente, allora l’indicizzazione potrebbe essere molto rapida senza particolari interventi. Questo perchè la frequenza di scansione dello spider sarà maggiore, in quanto Google apprezza i siti aggiornati spesso e con dei backlink da siti autorevoli.
  • la frequenza di pubblicazione: se il tuo sito pubblica poco frequentemente nuovi contenuti, i tempi di indicizzazione saranno certamente più lunghi. Questi perchè lo spider del motore di ricerca, non rilevando nuovi contenuti o cambiamenti nel sito tra una scansione e la successiva, tende ad allungare i tempi di passaggio.
  • la presenza di una sitemap aggiornata: la sitemap serve a segnalare al motore di ricerca i contenuti presenti sul sito, compresi quelli nuovi. Non avere una sitemap aggiornata, potrebbe rendere difficile al motore di ricerca la scoperta dei nuovi contenuti, allungando quindi i tempi necessari per l’indicizzazione.

 

    Compila il modulo, un nostro consulente ti risponderà a breve

    * Accetto l' Informativa Privacy. I dati forniti verranno utilizzati per rispondere alla tua richiesta ed eventualmente per formulare la proposta economica.
    Share

    Siamo una Agenzia SEO specializzata in Ottimizzazione SEO e realizzazione di Siti Web ed eCommerce. I nostri consulenti, specialisti con esperienza pluriennale, realizzano le migliori strategie per aumentare la visibilità Online di Aziende, Attività Locali e Professionisti.

    No Comments

    Sorry, the comment form is closed at this time.

    Send this to a friend